Pets – Vita da animali

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Pets – Vita da animali

Pets – Vita da animali

d25be341a232fd712b8ea8ada9a1d8af--secret-life-of-pets-secret-lives

Louis C.K., Eric Stonestreet, Kevin Hart, Jenny Slate, Ellie Kemper, Albert Brooks, Lake Bell, Dana Carvey, Hannibal Buress, Bobby Moynihan, Chris Renaud, Steve Coogan.

Max ha quattro zampe e vive a New York con Katie, la vivace padroncina che lo ha ‘adottato’ e strappato alla strada. Espansivo e fedele, passa la giornata ad aspettarla perché come ogni altro essere umano Katie ogni mattina infila la porta e se ne va. A fare cosa è domanda su cui si interrogano Max e i suoi amici di condominio: gatti, cani, criceti, pappagalli, canarini, rapaci. Una sera Katie rientra accompagnata da Duke, un enorme cane peloso a cui ha deciso di dare affetto e asilo. Ma Max non sembra pensarla allo stesso modo. La rivalità per vincere il cuore di Katie li conduce letteralmente in un vicolo cieco, braccati da una gang di animali sciolti guidati da un coniglietto sociopatico. Ma lassù, ai piani alti del building, qualcuna lo ama e si lancia impavida (e chic) alla sua ricerca.
Quella promessa è spesa nei primi (esilaranti) minuti ma sfortunatamente non progredisce e quello che doveva servire da filo conduttore, le devianze comportamentali dei nostri cuccioli non appena voltiamo loro le spalle, esaurisce nel trailer la sua potenzialità.

Pets – Vita da animali rimane allora dentro i confini più sicuri della commedia d’avventura senza esplorare le possibilità in gioco: lo studio dei tic, delle abitudini e delle bizzarrie psicologiche delle specie antropomorfizzate. Nessuna audacia insomma, in materia di emozione Pets resta irrimediabilmente modesto, ma il giovane studio creato nel 2011 conferma la sua animazione fluida ed elastica, che contesta le leggi della fisica, recuperando lo spirito dei vecchi cartoons e una comicità fondata sul ritmo e l’azione del muto. Una vera scienza del divertimento sempre in movimento che accumula cascade animate e inanella gag senza pausa, eludendo i passaggi moralizzatori obbligati. Un divertissement probabilmente apprezzato dal giovane pubblico ma indeciso sull’audience di riferimento. La parte migliore di Pets, la più sottile, allude alle mode della vita urbana newyorkese (“di questi tempi tutti vanno a Brooklyn”) e dipinge il profilo satirico di una New York bobo ad altezza di animale (la festa decadente nell’appartamento del vecchio cane Pops), evidentemente meno accessibili ai bambini, primi destinatari del film. Si pensi per contro all’immaginario universale della Parigi di Ratatouille. Tornando con le zampe per terra, il celebre studio franco-americano, che ha prodotto Cattivissimo me e derivati gialli in salopette (Minions), non riesce a doppiare in entusiasmo il proprio flagship product nonostante la fauna riuscita e le referenze cinefile sparse lungo il cammino (Grease, La finestra sul cortile, Lilli e il vagabondo).

max